Mangini FotografaFesteggiata in giro per il mondo con incontri, personali e retrospettive (ultime, in ordine di tempo, quelle a Parigi, Berlino e Friburgo), che ne hanno sancito lo statuto di figura di primo piano a livello internazionale, Cecilia Mangini sarà al centro, dal 31 maggio al 10 settembre 2017, dell’omaggio che Roma ha scelto di dedicarle, ospitando presso il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari la mostra CECILIA MANGINI – VISIONI E PASSIONI (Fotografie 1952-1965). 

L’esposizione, curata da Paolo Pisanelli e Claudio Domini e promossa da Associazione Cinema del reale, Erratacorrige, Big Sur e Officina Visioni, con Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia e Museo delle Civiltà, ripercorre le origini del lavoro di Cecilia Mangini, negli anni che precedono la sua affermazione come cineasta e la vedono impegnata come fotografa.

Un percorso che segue l’avventura fotografica di Cecilia Mangini: Panarea e il bianco abbacinante delle cave di pomice di Lipari, la Puglia sospesa tra tradizione e consumismo (con le immagini della Fiera del Levante del 1960), la Firenze popolare che diventerà poi protagonista del documentario La Firenze di Pratolini, le periferie milanesi. Senza dimenticare la straordinaria trasferta nel Vietnam del 1965 – di cui si espongono una dozzina di foto mai viste prima, appartenenti all’archivio privato dell’autrice e ritrovate solo di recente – per la preparazione (insieme al compagno di vita e lavoro Lino Del Fra) di un film mai realizzato; e ancora, una galleria di ritratti dei grandi del tempo (da Pasolini a Moravia, da Fellini a Carlo Levi, da Montanelli a Flaiano, da Chaplin a Steinbeck, da John Huston a Malaparte) e gli scatti dal set di La legge, fotografie di backstage scattate su un grande set dimenticato, quello de La Legge, che nel 1958 riunì a Carpino, nell’entroterra del Gargano, il regista Jules Dassin e le star Gina Lollobrigida, Marcello Mastroianni, Yves Montand, Melina Mercouri e Pierre Brasseur.

Gli studenti e le studentesse della Scuola Volonté, inoltre, avranno l’opportunità di partecipare ad una Lezione aperta tenuta da Cecilia Mangini, il 7 giugno alle 17,00 presso il Museo delle Civiltà – Museo delle Arti e Tradizioni Popolari.  Guarda il calendario degli eventi.

Per ulteriori informazioni:

Museo delle Civiltà – Museo arti e tradizioni popolari, Piazza Guglielmo Marconi 8 – 00144 Roma EUR
Tel: (39) 06 5926148 – (39) 06 5910709. Email: mu-civ@beniculturali.it
Trasporti: Metro Linea B (eur Fermi) – Autobus 30 Express, 170, 671, 703, 707, 714, 762, 765, 791
Orario: Lunedì chiuso, Martedì-Domenica 8:00-19:00. La biglietteria chiude mezz’ora prima.
Costi: Biglietto Intero €4,00 (riduzioni come da regolamento €2,00); Biglietto cumulativo Intero €10,00, valido per tre giorni dalla data di emissione e utilizzabile per una singola visita in tutte le sedi del Museo della civiltà (Museo preistorico etnografico “Luigi Pigorini”, Museo d’arte orientale ‘Giuseppe Tucci’, Museo dell’alto Medioevo). Ingresso gratuito tutte le prime domeniche del mese.